Le mie creazioni

Chi è online

 7 visitatori online

Statistiche

Utenti : 178
Contenuti : 241
Link web : 6
Tot. visite contenuti : 85164

facebook



RECENSIONI

Le recensioni sono scritte come piccoli pro memoria per ricordare, nel tempo, il contenuto e le semplici riflessioni che il singolo libro mi ha suscitato, spesso sono solo appunti, a volte sono argomentazioni più articolate. I libri recensiti sono una selezione di quelli letti a partire dal lockdown di marzo 2020.



Il Turista PDF Stampa E-mail

Il Turista, Carlotto Massimo (2018)

'Il caso è il solo legittimo sovrano dell'universo' Honoré de Balzac, così l'esergo del libro di Carlotto e così il serial killer, soprannominato 'il turista' sceglie le sue vittime, l'unica costante è l'essere donna e con una borsa di marca che rappresenta il suo trofeo. Opera in città diverse confondendosi tra la folla dei turisti, le strangola senza lasciare tracce, ma il caso lo farà incappare in una guerra tra uomini dei servizi segreti deviati,  che lo ingabbieranno e tenteranno di usarlo come arma letale, ma l'essere uno psicopatico freddo, manipolatore e allenato a fuggire lo farà uscire dai guai, alleandosi con una bella psicopatica canadese con cui costruirà un nuovo futuro. A dargli la caccia è anche Pietro, l'ex capo della omicidi di Venezia, dove è ambientato il giallo, un uomo incappato in un episodio di corruzione per amore e che vorrebbe riabilitare il suo nome, ma si troverà di fronte a scelte spietate e a combattere con la sua coscienza per salvare 'la donna con cui ha fatto l'amore l'ultima volta'. La tensione è sempre alta nel racconto e non prevedibile quanto accadrà.

Il Turista - Massimo Carlotto - copertina

Ultimo aggiornamento Sabato 08 Luglio 2023 15:52
 
Le assaggiatrici PDF Stampa E-mail

Le assaggiatrici, Postorino Rosella

Ispirandosi all'ultima sopravvissuta Margot Wòlk, assaggiatrice di Hitler nella caserma di Krausendorf, vicina alla tana del Lupo, dove era rifugiato Hitler, ci fa immergere nella vita di Rosa Sauer,  una giovane donna tedesca di Berlino, scelta insieme ad altre nove per servire il Feuher, rischiando di morire ad ogni pasto. Rosa ha bisogno di vivere, di avere una vita normale, un figlio, amicizie, amore, fiducia in un domani sereno, ma queste sue aspirazioni si scontrano con la vita in un paese in guerra, sotto l'indottrinamento di una dittatura che fonda il suo consenso soprattutto con la paura, con il marito al fronte russo, la madre e il padre morti, il fratello in America, effettua scelte e vive una realtà che terrà dentro di sè per sempre e le impedirà di tornare ad una vita di coppia, quando finita la guerra il suo marito disperso tornerà dal fronte. In una situazione di guerra è legittimo comportarsi a volte senza morale? Le dieci assaggiatrici sono donne diverse, ognuna con la propria storia e sono sviscerate le tipologie di carattere e le possibili relazioni che si instaurano in un piccolo gruppo costretto alla condivisione. Rosa ha una relazione con un militare e potrebbe scoprire la verità delle aberrazioni delle SS, dei campi di sterminio, della violenza dell'annientamento delle persone, ma non osa varcare il limite.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 05 Luglio 2023 21:03
 
Terra Alta PDF Stampa E-mail

Terra Alta, Cercas Javier

Un libro ambientato tra  Catalogna, Spagna e Messico  con i diversi approcci alla vita, ai ritmi, ai silenzi, ai rumori, al degrado e alla ricerca di una vita possibile. Il poliziotto Marin Melchor incrocia questi mondi e cerca  la sua via, partendo da un destino segnato che lo conduce in carcere, alla possibilità di riscatto grazie a chi si prende cura di lui, all'amore, ma anche grazie alla letteratura che si fa vita reale, che è un'ancora di salvezza che porta all'amore, alla condivisione alla riflessione sulla propria vita e sul bene e sul male. Naturalmente è un thriller, ma diventa romanzo a tutto tondo. E' un giallo psicologico che affronta la violenza, la morale, la giustizia privata e le regole della legalità e della vita sociale. Il protagonista è continuamente in bilico tra legalità e farsi giustizia da soli, ma in fondo prevale la giustizia collettiva che spesso gli consente di tenere la barra dritta, ma il conflitto è continuo.

Terra Alta - Javier Cercas - copertina

Ultimo aggiornamento Domenica 02 Luglio 2023 12:53
 
Alba nera PDF Stampa E-mail

Alba nera, De Cataldo Giancarlo

De Cataldo ringrazia Carlotto e Lucarelli per l'idea condivisa di questo noir, sono presenti effettivamente alcuni aspetti che ricordano romanzi dei due grandi autori, ma come sempre lo scrive con efficacia, con toni e colori vividi, con l'ispezione chirurgica delle perversioni e delle debolezze dell'animo umano, a volte  legate alle storie personali e alle provenienze sociali dei protagonisti. La poliziotta Alba, figlia di una famiglia agiata, borghese e di facciata, ha cresciuto dentro di sè un cuore nero che la insidia e che comunque riesce a tenere a bada, il dr. Sax, da famiglia povera, non riesce a rinunciare ad una vita agiata per se e per suo figlio, ma soprattutto al potere, o all'illusione di poterlo raggiungere. Il poliziotto buono, più semplice nel suo modo di essere è il più generoso e per certi versi sprovveduto nei confronti della complessità del potere e della corruzione. Chi il potere lo esercita, grazie ad una grande intelligenza, dà comunque sfogo al bisogno di sottomissione delle donne, in forma morbosa e pericolosa, sarà Alba 'nera' a sconfiggerlo, ma il sistema di potere continuerà; ha perso solo qualche frammento.

Alba nera - Giancarlo De Cataldo - copertina

Ultimo aggiornamento Domenica 11 Giugno 2023 14:35
 
ELP PDF Stampa E-mail

ELP, Antonio Manzini

Il freddo di Aosta è lo stesso dell'anima del vicequestore Rocco Schiavone, può riscaldarla solo la presenza immaginaria della moglie Marina che è la sua coscienza o comunque lo strumento per un'analisi critica dei suoi sentimenti, della sua vita, di ciò che si diventa e, in questo racconto,  la domanda è: si è coscienti di essere felici, nel momento in cui si è felici, se mai lo si è stati? Pur se invecchiato Schiavone è sempre lo sbirro che sa intuire, osservare e risolvere i tristi e putridi casi di omicidio in cui si imbatte, per il piacere della verità e non alla ricerca di vanagloria. Pur se outsider e solitario ha un insieme di persone che ha imparato a sentire amici e a cui, pur nella sua ruvidezza e a volte con un labile confine di liceità, fornire tutto il suo appoggio,  compreso l'impossibile D'Intino. Manzini coglie sempre i temi caldi della vita sociale e politica del momento in cui scrive, come i mariti violenti e le azioni di protesta dell'Esercito di Liberazione per il Pianeta (ELP), fornendone una lettura amara e schierandosi con l'umanità che cerca un futuro migliore, contro servizi segreti, stato e poteri che manipolano e opprimono.

ELP - Antonio Manzini - ebook

 
Un volo per Sara - Sorelle. Una storia di Sara PDF Stampa E-mail

De Giovanni Maurizio –  Un volo per Sara - Sorelle. Una storia di Sara

Continua la serie su Sara per raccontare in forma romanzata i tanti misteri dell'Italia del secondo dopoguerra. Certo i temi vengono solo sfiorati senza indagarne le motivazioni e proposti in forma di giallo, ma vengono esaltate caratteristiche di ascolto e percezione della realtà e delle relazioni che sembrano non più appartenere al nostro tempo, dove i rapporti sono molto mediati dalla virtualità e si è poco capaci di osservare e ascoltare. Ma anche l'Unità si sta trasformando con la presenza di nuovi giovani rampanti, nativi digitali con più di una laurea e master, che usano i nuovi media, purtroppo non sempre per contrastare il crimine, e così come alcuni della vecchia guardia non disdegnano di essere corrotti. La sgangherata 'famiglia - squadra' composta da Sara, la nuora Viola, il poliziotto Pardo, il cane Boris, il non vedente Catapano contrastano come possono i poteri forti per difendere la verità e soprattutto la Bionda. I due libri sono uno la prosecuzione dell'altro e da leggere tutti d'un fiato.

Un volo per Sara - Maurizio de Giovanni - ebookSorelle. Una storia di Sara - Maurizio de Giovanni - ebook

Ultimo aggiornamento Mercoledì 07 Giugno 2023 21:08
 
Lezioni PDF Stampa E-mail

McEwan Ian, Lezioni

Il protagonista Roland, londinese, laburista ed europeista, ci restituisce una lettura, dalla seconda metà del novecento fino alla pandemia, dei più importanti avvenimenti storici internazionali che hanno segnato questi settanta anni di sostanziale pace per gli europei. È comunque il racconto della sua vita a condurre il gioco, ma nella consapevolezza che la Storia influenza ciò che siamo e diventiamo. Quando si trova a tracciare un bilancio della sua vita, emergono episodi forti e personaggi che l'hanno segnata: una madre debole, colpevole e succube di uomini autoritari  che lo manda in collegio, lontano dalla famiglia; l'incontro con una giovane insegnante di musica che lo molesta per alcuni anni, condizionando la sua sessualità e le sue scelte future lavorative e sentimentali; una moglie tedesca che, per realizzare il suo obiettivo di diventare una grande scrittrice, lo abbandona con un figlio piccolissimo da crescere. Quanto queste tre donne hanno condizionato la sua vita rendendolo insoddisfatto, alla ricerca di una stabilità lavorativa ed economica? Riuscirà comunque a 'perdonarle' o quanto meno a chiarirsi e ad ascoltare le loro ragioni, non necessariamente accettandole. La scrittura è a tratti intensa, non c'è autocommiserazione nel protagonista, ma piuttosto la necessità di indagare e capire il presente, il passato e se stesso, il bisogno di conoscere, sperimentare, costruirsi una cultura e darsi strumenti di interpretazione della società. Roland ha maturato comunque una dose di sfiducia sulle proprie capacità, e sulla sua vita sempre ai confini del fallimento e alla ricerca di una stabilità economica. Sarà il riconoscimento di un amore finale e i giovani: figli, figli acquisiti, nuore e nipoti a dare un po' di luce alla sua vita e,  alla piccola nipotina affiderà con tenerezza la memoria di quasi un secolo di storia.

Lezioni - Ian McEwan - copertina

 

Ultimo aggiornamento Sabato 03 Giugno 2023 17:53
 
Le perfezioni PDF Stampa E-mail

Latronico Vincenzo, Le perfezioni

Il libro è un affresco di una generazione di giovani che si trova a migrare dall'Europa mediterranea all'Europa del Nord (Berlino), in cerca di opportunità, di una vita più dinamica, di esperienze stimolanti che consentano anche di avere un contesto più idoneo al lavoro che svolgono come graphic designer e progettisti del web, dei social e dei nuovi mestieri digitali. Una coppia, Anna e Tom, che riesce a rimanere unita e ad affrontare  la nuova realtà con l'inserimento in una comunità berlinese fluida e social di tantissimi giovani provenienti da tutta Europa e non solo e che comunica con un inglese fatto da mille accenti e con pochissimo tedesco, lingua difficile e respingente. La realtà berlinese però si trasforma e diventa più difficile sentirsi a proprio agio, tanti giovani non resistono e se ne vanno, il mercato e il costo della vita diventano sempre più proibitivi e i due giovani cercano alternative, con una insoddisfazione di fondo che non riescono a placare e alla ricerca della felicità che sembrano trovare solo nelle loro radici e tornando nel sole, nel calore e nei profumi della loro terra italiana, grazie ad una eredità; ma per quei giovani che non avranno queste opportunità cosa potrà accadere? In cosa consiste la felicità? Quali sono le aspirazioni dei giovani del 2000?

 

Ultimo aggiornamento Mercoledì 10 Maggio 2023 17:21
 
Rubare la notte PDF Stampa E-mail

 

Petri Romana, Rubare la notte

Un bel romanzo che parte dalla biografia dell'aviatore-scrittore francese Antoine de Saint-Exupéry, ma diventa altro e ci restituisce un affresco di un uomo della prima metà del novecento, in mezzo ad una guerra e ad un mondo tormentato, che riesce a placare il suo bisogno di Dio, di amore, di leggerezza volando in mezzo alle nuvole, staccandosi da terra, perchè qui vive invece tutte le sue debolezze, insicurezze, l'infelicità e in fondo l'incapacità di vivere per difendere la sua patria e un amore stabile. Le tante donne che incontra e che si innamorano di questo grosso bambinone non cresciuto, con la testa e 'la sua virgola di naso' rivolte verso l'alto, in un anelito continuo di eroismo, di grandi imprese e di illusioni, rappresentano una forma di convivenza con il mondo, il bisogno di sentirsi amato e la continua ricerca di sè, non esattamente come un Don Giovanni, ma, in fondo, con sincerità e rispetto della moglie e delle sue amanti. Il deserto e il silenzio sono altri elementi in cui si trova a suo agio, anche il Tonio adulto, che sembra venire da un altro pianeta come il Piccolo Principe. L'ossessione per le lettere è una caratteristica e il mezzo che Saint-Exupéry usa quasi come terapia e autoanalisi, in particolare quelle che scrive alla madre, con cui ha condiviso il dolore per i tanti lutti familiari e che è comunque la donna più importante della sua vita. Un libro che spinge a rileggere quel capolavoro che è il 'Piccolo Principe' .

Rubare la notte

 

Ultimo aggiornamento Martedì 09 Maggio 2023 14:54
 
Come d'aria PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

 

D'Adamo Ada, Come d'aria

'La solitudine fa talmente compagnia che a un certo punto non si ha più paura di niente.' Un racconto forte, vero, intenso che ti pervade e allo stesso tempo spaventa. Ci si chiede se nelle stesse situazioni, di avere una figlia gravemente disabile e di propria malattia si riesca a trovare, anche nella solitudine, la forza di affrontare, di prendersi cura, di provare a continuare a vivere e di non arrendersi. Questo libro lo porterò nel cuore.

Come d'aria - Ada D'Adamo - copertina

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 01 Maggio 2023 22:05
 
Il senso dell'elefante PDF Stampa E-mail

 

Missiroli Marco, Il senso dell'elefante

Esiste un Dio? Si trova nelle cose: una forcina, un basco, un rosario rotto, un piccolo elefante, un campanello della bicicletta e così via. Lo si percepisce a volte crudele, a volte indifferente e l'uomo, pur se condizionato dall'idea di Dio, vuole decidere del suo destino, della sua morte e di quella degli altri, a volte, si sente Dio, in grado di decidere cosa sia il bene e il male. Il portinaio Pietro, ex prete che in fondo non riesce a modificare quella condizione, incontra da giovane l'amore e la strega lo allontana da Dio, ma lo abbandona, non ha il coraggio di entrare in competizione con Dio. Pietro soltanto da anziano, riuscirà ad emanciparsi e a conoscere la dimensione di 'padre'. Chi si prende cura di te, ti protegge, ti ama ed è disposto a morire per te e/o con te è un padre, non necessariamente biologico. Il libro è invaso dal male di vivere degli individui che non riescono a soddisfare i propri desideri senza calpestare quelli degli altri, per debolezza o eccessivo amore.

Il senso dell'elefante - Marco Missiroli - copertina

 

 

Ultimo aggiornamento Sabato 22 Aprile 2023 16:26
 
Ferrovie del Messico PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

 

Griffi Gian Marco, Ferrovie del Messico

Un romanzo 'enciclopedico' con storie nelle storie e che potrebbe non finire mai, così come annunciato alla fine dall'autore, ci potrà essere una seconda parte. Il filo conduttore è l'assurdo tentativo di costruire una mappa delle ferrovie del Messico per ordine degli alti gerarchi nazisti, compito assegnato al piccolo milite Francesco (Cesco) Magetti della Guardia nazionale repubblicana ferroviaria di Asti nella Repubblica di Salò nel febbraio del 1944. In realtà quasi un escamotage dello scrittore per avventurarsi in mille rivoli del racconto e salti temporali che riguardano storie del Messico che si svolgono in paesi ai limiti della fantasia e, non importa alla fine se esistenti o meno, le atmosfere sono quelle i colori, le luci, le relazioni, per poi ritornare al presente della cruda guerra dove anche un soldato fascista finisce per odiare i nazisti e trovarsi esule per aver ucciso. Ci si addentra in tecnicismi relativi a libri e biblioteche specialistiche, tecniche di costruzione di oggetti, elencazioni di oggetti, non consueti ai più, specifici dei vari mestieri e luoghi che si incontrano. Ogni capitolo ha un titolo che indica il luogo e la data in cui si svolge l'episodio senza una sequenzialità temporale e a raccontare  è spesso un personaggio diverso e, anche la scrittura sembra cambiare, evocando atmosfere di altri autori, è quasi come se fosse scritto a più mani, o che una chatgpt si sia divertita a simulare diversi tipi di scritture e ad inserire tutte le conoscenze della rete nei vari argomenti trattati. Ci sono momenti lirici, riflessioni profonde che conquistano il lettore e pur con una certa mole è un libro che non si può abbandonare. L'amore, l'amicizia, la solidarietà tra semplici, ma anche la ribellione e l'odio  rappresentano il motore delle azioni dell'uomo.

Ferrovie del Messico - Gian Marco Griffi - copertina

 

Ultimo aggiornamento Domenica 16 Aprile 2023 10:31
 
Ogni creatura è un'isola PDF Stampa E-mail

 

De Spirt Andrea,  Ogni creatura è un'isola

Frammenti di pensieri numerati progressivamente, che si accavallano e intersecano per un non racconto. E' una sorta di flusso di coscienza che racconta la ricerca di verità e  di risposte  che non si avranno, la solitudine e la difficoltà di vivere per chi è diverso. Lo scrittore gioca con le parole, rinomina la paura con la parola pinguino e riempie il libro di una sorta di aforismi a volte non comprensibili. Nel complesso questo insieme di appunti che è il libro mi ha lasciata un po' perplessa!

Ogni creatura è un'isola

 

Ultimo aggiornamento Sabato 04 Marzo 2023 20:53
 
La ragazza in blu PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

 

Vreeland Susan,  La ragazza in blu

La ragazza in blu è un fantomatico quadro, attribuito a Jan Vermeer (il pittore, tra gli altri, della ragazza col turbante) ed è il protagonista del libro. Il blu è sicuramente una caratteristica dei veri quadri di Vermeer, così come la presenza di una cartina geografica ed altri elementi del quadro in oggetto e pur se non sicuramente confermato all'inizio del libro, la piccola pittura sembra attribuibile al grande pittore, e la scrittrice  negli ultimi capitoli racconterà l'ipotetico momento della vita di Vermeer in cui lo avrebbe dipinto e il punto di vista del soggetto del quadro: una delle figlie del pittore. L'originalità del racconto non sta nel fatto che si occupi di un quadro, ma che attraverso di esso si raccontino le emozioni di chi lo ha posseduto o ne è entrato in contatto; ogni capitolo descrive un passaggio di proprietà dove i vari protagonisti hanno difficoltà a separarsene perchè ne rimangono affascinati, in particolare le donne sono attratte dalla fanciulla raffigurata, dal suo sguardo, dalle mani, dalle atmosfere, ma soprattutto perchè  la bellezza che sprigiona il quadro è nutrimento dell'anima, in particolare in famiglie povere, segnate dalla fatica e dalle avversità. Interessante è il capitolo sulla protagonista del quadro che, in quanto donna, non potrà realizzare il suo sogno di diventare pittrice come è suo padre Jan, perchè tutti la relegano al rammendo e alle incombenze 'femminili', i suoi sogni sono però forse catturati e fissati in quella ragazza in blu che seduce e illumina il sottile filo di tristezza che attraversa tutti i personaggi del racconto.

 

Ultimo aggiornamento Sabato 18 Febbraio 2023 20:56
 
Un inverno freddissimo PDF Stampa E-mail

 

Cialente Fausta,  Un inverno freddissimo

Un libro del 1966 che racconta una  storia ambientata nella Milano del 1946, devastata dalla guerra e preda di uno degli inverni più freddi. Non solo il clima meteorologico,  ma anche gli animi sono ancora raggelati dalla terribile esperienza vissuta. La protagonista Camilla, abbandonata dal marito con cui ha avuto tre figli Alba, Lalla e Guido, cerca di ricucire e ricominciare una vita per i suoi figli, ma anche per nipoti e mogli che si trovano in difficoltà. Il luogo fisico è una vecchia soffitta che sistema e rende vivibile, anche se sembra 'un albergo dei poveri', dove però questa famiglia allargata si ritrova con tutte le paure, le speranze, i sogni, le difficoltà della convivenza che  Camilla riesce con forza e generosità a gestire, fin quando lutti e ferite dell'anima non la fanno in parte soccombere, ma riuscirà a riprendersi lasciando che le persone vicine a lei scelgano la propria strada, rispettando i loro sogni e le loro aspirazioni, abbandonando con qualche nostalgia la soffitta, ma in una visione di speranza nel futuro e, soprattutto lei che si rifugerà nella casa di campagna della madre riuscirà a costruirsi un domani da donna libera e autonoma. Una scrittura dolce, quasi musicale a volte, accompagna il racconto, in cui ogni personaggio ha una caratterizzazione universale, dallo 'straniero in patria', Enzo, che in parte rappresenta l'italianità della scrittrice, alla bella ragazza Alba che cerca una vita di agi, ma (quasi per punizione?) troverà la morte, a Lalla che vuole diventare scrittrice e cerca di imparare a farlo senza 'arrufianarsi' il lettore, a Guido che vive per il cinema e il teatro (come il fratello della scrittrice), a Nicola il giovane  partigiano saggio ed eroe che muore per i suoi ideali, lasciando una giovane compagna ed una bambina, figlia del peccato, accolte da Camilla nella famiglia. L'immagine di donna, proposta per Camilla, che respinge il marito che ritorna a casa dopo quasi vent'anni,  non so quanto possa realmente rispondere a quella delle donne italiane di quegli anni, forse nel loro intimo, in particolare per le partigiane poteva essere così, ma la visione pubblica e sociale in realtà le castigava e costringeva ad una dimensione di sudditanza, ma la Cialente ha vissuto una vita più cosmopolita e ha conquistato la sua indipendenza e il racconto è un invito a tutte le donne.

 

Ultimo aggiornamento Martedì 10 Gennaio 2023 10:52
 
L'insostenibile leggerezza dell'essere PDF Stampa E-mail

 

Kundera Milan,  L'insostenibile leggerezza dell'essere

Una rilettura a distanza di molti anni che ha rinnovato il fascino della scrittura di Kundera e dell'arte di scrivere un romanzo. Le storie dei quattro protagonisti Tomáš, Teresa, Sabina, Franz raccontano l'invasione russa della Cecoslovacchia con tutte le tragiche conseguenze, ma hanno una universalità  riguardano tutti noi, l'amore, il tradimento, le umiliazioni, le relazioni tra le persone, il coraggio, la vita sociale e politica, gli ideali, la libertà. Tra i protagonisti c'è però anche lo scrittore che ogni volta riflette, commenta segue fili storici, metafisici, filosofici, sociologici, immergendoci in una analisi a tutto campo dei comportamenti, mostrandoceli dai diversi punti di vista e dimensioni.

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 02 Gennaio 2023 22:12
 
Le Ateniesi PDF Stampa E-mail

 

Barbero Alessandro,  Le Ateniesi

411 a.c. Atene e Sparta continuano a combattere; nelle campagne e nelle città ateniesi l'impoverimento per molti reduci è evidente, come Trasillo e Polemone, cittadini liberi, democratici e partecipi della vita politica della città. Una società democratica che comunque non rinuncia alla schiavitù delle genti conquistate.  Il ceto sociale più ricco  soffre meno la crisi per la guerra e mal tollera la democrazia e vorrebbe restaurare la tirannide. Un gruppo di loro pianifica una sorta di strategia della tensione, ipotizzando e cominciando anche a realizzare aggressioni e omicidi in modo casuale per  spaventare la popolazione, ingenerando un bisogno di sicurezza e destabilizzando le istituzioni. Barbero racconta i vizi e le virtù della antica Grecia, la depravazione e la violenza dei ricchi, la forza morale e il senso civico dei cittadini, la capacità di usare il teatro come divertimento, ma anche come si richiede agli intellettuali  come strumento di denuncia, di riflessione e di stimolo per il potere e per il popolo. Viene raccontata la prima rappresentazione della Lisistrata di Aristofane, con le reazioni dell'eterogeneo pubblico che assiste e che discuterà e si confronterà partecipando attivamente. Il ruolo delle donne e la loro forza e l'estremo bisogno di pace e la necessità di interrompere la guerra fratricida tra ateniesi e spartani sono le aspettative di molti degli ateniesi presenti, ben rappresentato nella commedia dove gli spaventosi spartani vengono rappresentati con il loro dialetto che incute paura, ma nella scena viene quasi reso caricaturale. Durante il lungo spettacolo si snoda nella casa di campagna di uno dei cospiratori, una cruda e tragica storia tra le figlie di Trasillo e Polemone e tre giovanissimi rampolli della 'Atene bene', arroganti e violenti. La democrazia comunque saprà difendersi dai tentativi di minarla. Forte e diretta la scrittura di Barbero.

Le ateniesi - Alessandro Barbero - copertina

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 07 Novembre 2022 23:19
 
Stupore PDF Stampa E-mail

 

Shalev Zeruya,  Stupore

Come elaborare un lutto, una perdita improvvisa? Affiorano tutti i momenti in cui si sono perse occasioni per stare vicini alla persona amata, farle capire quanto sia importante per te e ci si carica di colpe e rimpianti. La vita non ha più senso anche se ci sono figli da sostenere, ma abbastanza grandi da scegliere le loro strade ed emanciparsi da te madre, vedova. E' il destino di Atara, architetta restauratrice di antiche architetture, cinquantenne dal passato affettivo instabile a causa di un padre che lei ha sempre sentito ostile e che non ha conosciuto realmente, ma che prima di morire, in un momento di perdita di lucidità la confonde con Rachel.  Atara scoprirà che Rachel, quasi centenne, è stata la  prima moglie con cui suo padre ha condiviso la passione, le lotte e la delusione  della resistenza contro gli Inglesi. Le due donne si incontreranno e scopriranno di avere un legame più forte che se fossero effettivamente parenti e, il dolore, la consolazione, il desiderio di combattere e sopravvivere di due donne si intrecciano con quello di un popolo e di una terra piena di contraddizioni e con una storia dolorosa e irrisolta che è Israele. La scrittura è scorrevole ed è interessante come l'autrice sappia indagare l'animo umano, ad esempio, la caparbietà di colei che per una vita mantiene un segreto, di come la forza di una combattente (Rachel) la porti ad essere meno partecipe nella banalità quotidiana di una vita familiare e nella impossibilità di esprimere le sue capacità anche in ambito lavorativo. Il dolore di Atara per la perdita del marito è comunque, secondo me, raccontato in modo forse ridondante.

.

Ultimo aggiornamento Venerdì 04 Novembre 2022 11:15
 
Domani nella battaglia pensa a me PDF Stampa E-mail

 

Marias Javier,  Domani nella battaglia penso a me

Un libro intenso che parla di morte, di incantamento, di amore, del tradimento, del ricordo, dell'autocoscienza. Il pensiero del protagonista Victor affiora continuamente. Victor si trova ad assistere alla morte improvvisa della sua possibile amante Marta mentre si trova a casa di lei approfittando dell'assenza del marito e con il figlio di lei che rimarrà solo nella casa. Come comportarsi in una situazione simile? Il protagonista vuole preservare l'immagine di Marta e quindi non avverte di fatto nessuno ( prova con il marito che è a Londra, ma che non riesce a raggiungere telefonicamente). Si dipana così una storia che lo porta ad entrare nelle vite degli altri, scoprendo intrecci, tradimenti, amori clandestini in una Madrid borghese. Il suo rapporto con Marta potrà essere come dice Maria: “Forse il legame poteva limitarsi a questo, a una specie di incantamento o haunting, che a ben vedere non è altro che la condanna del ricordo, del fatto che gli eventi e le persone ritornino e appaiano indefinitamente e non cessino del tutto…dimorino o abitino nella nostra testa...” Si riflette anche sul ruolo dello scrittore fantasma che fa lo schiavo per altri e scrive senza avere riconoscimenti personali.

 

Ultimo aggiornamento Domenica 23 Ottobre 2022 11:39
 
Tre donne PDF Stampa E-mail

 

Maraini Dacia,  Tre donne

Una storia d'amore e disamore, come recita il sottotitolo. Tre donne vivono insieme, senza la presenza di uomini: nonna Gesuina, madre Maria e figlia Lori e raccontano attraverso i loro diari tre generazioni di donne che affrontano la vita con occhi e atteggiamenti diversi: leggerezza, responsabilità, spensieratezza. Tutte e tre descrivono le stesse situazioni di vita e relazione tra di loro, ma ognuna dal suo punto di vista e commentando quello dell'altra nelle proprie pagine scritte. Le accomuna il desiderio d'amore, che non ha età ed ognuna di loro coniuga secondo la sua indole, spregiudicato la nonna, serio, composto ed ingenuo la madre, con ironia, curiosità e superficialità la figlia. Un uomo attraversa le loro vite e offre il suo amore, ma senza assumersi alcuna fatica e non affrontando i problemi. Quando le situazioni precipitano sparisce, ma le tre donne si assumono le loro responsabilità e più o meno riluttanti trovano la forza di resistere e sostenere le altre con amore e dedizione. Raccontato con ironia e leggerezza mette a fuoco alcune sfaccettature e caratteristiche dell'immenso mondo delle donne.

 

Ultimo aggiornamento Domenica 02 Ottobre 2022 18:47
 
La Storia PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

 

Morante Elsa,  La Storia

Useppe non si vorrebbe lasciare andare, lo conserverò per sempre nel cuore! Un grande racconto che ci attraversa e tocca tante parti di noi, lasciando un segno. La Storia con la s maiuscola è fatta dalle persone comuni che cercano di resistere alla guerra, alla fame, alle violenze, alla repressione, all'invasione, alla paura, ed è raccontata attraverso gli occhi di un bambino Useppe,  di sua madre Iduzza e di ragazzi e ragazze che attraversano la seconda guerra mondiale con la forza della loro  giovinezza, ma che purtroppo spesso soccombono. Non mi è facile fermare le mie emozioni alla lettura di questo libro, sicuramente una grande opera poetica, epica e in qualche forma anche didascalica.

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 15 Settembre 2022 22:20
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 Succ. > Fine >>

Pagina 2 di 7